Free Trieste Movement

TRIESTE: BLOCCATI TRASFERIMENTI PROPRIETÀ PORTO FRANCO “VECCHIO”

Trieste: i trasferimenti di proprietà del Porto Franco Nord sono bloccati

CONFERENZA STAMPA LUNEDÌ ORE 11 IN PIAZZA DELLA BORSA 7

Porto_Franco_Nord_Trieste

Il Movimento Trieste Libera informa che nonostante continue dichiarazioni di politici locali le aree del Porto Franco Nord, detto anche “vecchio”, non sono state trasferite al Comune, ed ogni loro trasferimento è bloccato per accertamento ed iscrizione della proprietà attuale di legge.

Trieste Libera ha infatti aperto nei giorni scorsi, superando precedenti ostacoli, una nuova procedura di iscrizione ed intavolazione della proprietà in base all’ultimo titolo giuridico vigente, il Trattato di pace di Parigi del 1947 che ha assegnato i beni al Demanio di Stato del Territorio Libero di Trieste con possesso ed uso all’ente di Stato “Porto Franco internazionale di Trieste”.

Poiché il Trattato è integralmente recepito nell’ordinamento italiano con leggi di ratifica ed esecuzione vigenti, le sue norme sono obblighi internazionali costituzionalmente prevalenti anche sulle leggi nazionali e regionali. Quelle norme internazionali devono essere eseguite per prime, anche d’ufficio, come presupposto necessario per l’eventuale richiesta di qualsiasi modificazione successiva.

L’operazione dei politici per deportualizzare, sdemanializzare e vendere l’area aveva sinora eluso il problema della proprietà perché gli immobili non erano intavolati, ma iscritti al registro dei beni pubblici con uso immutato. Ma per mutarlo dovrebbero intavolare la proprietà producendo titoli giuridici prevalenti sul Trattato di Pace, e non li possiedono.

Il Movimento Trieste Libera illustrerà la situazione in CONFERENZA STAMPA LUNEDÌ 24 AGOSTO ALLE ORE 11 nella saletta conferenze al primo piano della sede di Trieste, piazza della Borsa.

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Un pensiero su “TRIESTE: BLOCCATI TRASFERIMENTI PROPRIETÀ PORTO FRANCO “VECCHIO”