Free Trieste Movement

The Börsen-Kurier of Vienna about Free Territory and Free Port of Trieste – Il Börsen-Kurier di Vienna su Territorio Libero e porto franco di Trieste

The Börsen-Kurier of Vienna about Free Territory and Free Port of Trieste

Il Börsen-Kurier di Vienna su Territorio Libero e porto franco di Trieste

We publish, as a translation, from Austrian economic and financial weekly newspaper “Börsen-Kurier” No. 46/2015 of 12 November (see PDF: BK46_2015_Buch4) the article of liberal economic and political journalist Tibor Pasztory about the situation of the international Free Port of the Free Territory of Trieste.

Pubblichiamo in traduzione dal settimanale austriaco di economia e finanza “Börsen-Kurier” n. 46/2015 del 12 novembre (v. pdf BK46_2015_Buch4) l’articolo del giornalista economico e politico liberale Tibor Pasztory sulla situazione del Porto Franco internazionale del Free Territory of Trieste.

With the inspiring title “Die Unbekannte Größe“, which recalls the novel with the same name by Hermann Broch, Pasztory draws the attention of the investors on the fact that Trieste is under Italian trusteeship, but does not belong to Italy, as well as the fact that the international Community of States has special rights over its Free Port.

Sotto il titolo suggestivo “Die Unbekannte Größe“, che richiama l’opera omonima di Hermann Broch, Pasztory segnala agli investitori il fatto che Trieste è sotto amministrazione fiduciaria italiana, ma non appartiene all’Italia, e che la Comunità internazionale ha diritti speciali sul suo Porto Franco.

_________________________

 Visit to the Free Port of Trieste

The Unknown Dimension

The Free Port of Trieste might receive new growth impulses from the construction of the second Suez Canal. But there is a controversy about who is truly entitled to administer the Free Port.

In visita al Porto Franco di Trieste

La dimensione sconosciuta

Il Porto Franco di Trieste potrebbe ottenere nuovi impulsi di crescita dalla costruzione del secondo Canale di Suez. Ma è controverso a chi spetti veramente l’amministrazione del Porto Franco.

 

The Adriatic city of Trieste has a troubled past behind and, possibly, also the future that awaits it is not different than that. Austrian from the XIV Century to 1919, after World War I it was assigned to Italy to be detached from it once again after World War II by the victorious Allied Powers with the Treaty of Peace of Paris of 1947. This is how the city, as “Free Territory of Trieste”, became an independent State and territory under special trusteeship controlled by the UNO.

La città adriatica di Trieste ha dietro di sé un passato movimentato, e forse davanti a sé un futuro analogo. Austriaca dal 14° secolo, nel 1919 dopo la prima guerra mondiale venne assegnata all’Italia e ne fu ridistaccata dopo la Seconda Guerra Mondiale dalle Potenze Alleate vincitrici  con il Trattato di Pace di Parigi del 1947. La città divenne così, quale “Territorio Libero di Trieste”, Stato indipendente e territorio in amministrazione fiduciaria dell’ONU.

Since it was soon clear – and not surprising – that is was not so easy administering the city from New York, in 1954 with the Memorandum of London, the Territory was divided in Zones A and B, administered through Italy and Yugoslavia. But neither State received sovereignty over those zones.

Poiché divenne presto evidente – e non sorprende – che non era adeguato amministrare la città da New York, nel 1954 con il Memorandum di Londra il Territorio venne suddiviso nelle Zone A e B, amministrate da quel momento attraverso l’Italia e la Jugoslavia. Ma i due Stati non ottennero la sovranità sulle due zone.

While Zone B was settled by the International Community with the recognition of the borders of Slovenia and Croatia, the successor States of Yugoslavia, in 1991/92, formally, Zone A is still a territory under a UNO trusteeship mandate.

Mentre la Zona B si è risolta con il riconoscimento dei confini della Slovenia e della Croazia, successori della Jugoslavia, da parte della Comunità Internazionale nel 1991/92, la Zona A è tuttora formalmente un territorio di amministrazione fiduciaria dell’ONU.

But Italy ignores this; therefore, all maps not showing the Territory under UNO trusteeship are actually wrong. The movement of citizens of Trieste “Movimento Trieste Libera” (MTL) struggles with passion for the recognition of the actual status of trust territory.

Ma l’Italia lo ignora, e perciò tutte le carte geografiche dove non si trova il Territorio di amministrazione fiduciaria dell’ONU sono in realtà sbagliate. Il movimento di cittadini di Trieste “Movimento Trieste Libera” (MTL) combatte con passione perché sia riconosciuto lo status di amministrazione fiduciaria.

What makes the situation even more complex is that Zone A comprehends a Free Port, which exists since 1618, with an equally discussed status. While the new area of the Port is involved in the traffics of containers and oil, the older part is falling in ruins. But its reactivation wrecks with jurisdiction.

A complicare ancor più la faccenda è il fatto che la Zona A comprende un Porto Franco che esiste dal 1618, sul cui status parimenti si disputa. Mentre la parte nuova del porto è occupata con il traffico dei container e del petrolio, la parte più vecchia cade in rovina. Ma una sua riattivazione naufraga sulla giurisdizione.

The Italian administration is inclined to use it for a residential urban project, but their jurisdiction is under question by those who oppose the project, since they support the re-establishment of its original destination instead. But the Free Port should be administered as a State Corporation of the Free Territory, not of Italy.

L’amministrazione italiana intende usarlo per un progetto immobiliare residenziale, ma la sua giurisdizione è contestata dagli oppositori del progetto, al posto del quale essi sostengono un ripristino della destinazione originaria. Ma il Porto Franco dovrebbe essere anzitutto amministrato come Ente del Territorio Libero, e non dell’Italia.

This given, the importance of the free ports within the European Union (according to the Movement, Trieste is not part of it due to the lack of an agreement of adhesion) has radically changed, as there are no longer customs within the EU.

Fermo restando questo, l’importanza dei porti franchi all’interno dell’Unione Europea (alla quale Trieste secondo il Movimento non appartiene perché manca un accordo di adesione) è cambiata radicalmente, perché dentro l’UE non esistono più dogane.

The free ports of Emden and Kiel, which do themselves have a great tradition in this sense, were cancelled in 2010, but Bremerhaven and Cuxhafen are still in existence. The advantage does now consist in the reduced port fees and in the legal principle establishing that freight that enters a free port from EU countries is considered already exported.

I porti franchi di Emden e di Kiel, anch’essi di grande tradizione, sono stati cancellati nel 2010, ma Bremerhaven e Cuxhafen continuano ad esistere. Il vantaggio sta ora piuttosto nelle tasse portuali ridotte e nella prassi giuridica per cui le merci che entrano nei porti franchi da paesi dell’UE vengono considerate come già esportate.

Things are completely different for non-Member States of the EU. Just like in the past, they still benefit all tax and customs advantages, like import taxes in EU Countries postponed up to 6 months.

Le cose stanno in maniera completamente diversa per gli Stati non-membri dell’UE. Questi continuano a godere come in passato di tutti i vantaggi doganali e tributari, come  l’efficacia ritardata sino a sei mesi delle tasse d’importazione dei paesi dell’UE.

When it comes to the victorious Powers of World War II (!), but also for Austria and for the other successor States of the Danubian Monarchy, as well as for Switzerland (!), in Trieste they have the right, granted by the Treaty of 1947, to be represented in an International Commission for the administration of the Free Port.

A Trieste sussiste per le Potenze vincitrici della seconda (!) guerra mondiale, ma anche per l’Austria e per gli altri Stati successori della Monarchia del Danubio, come anche per la Svizzera (!), anche il diritto, garantito con il Trattato del 1947, di essere rappresentati nella Commissione internazionale di amministrazione del Porto Franco.

Up to now, those requests bounce off Italian authorities. But the Movement is supported also from unexpected sides, like Czech environmentalist movements, which seem to have calculated that Czech export through Trieste would reduce CO2 emissions if compared to those trough the Northern Sea.

Sinora queste richieste rimbalzano sulle autorità italiane. Ma il Movimento riceve appoggi da versanti inattesi, come movimenti ambientalisti cechi che avrebbero calcolato che le esportazioni ceche attraverso Trieste causerebbero meno emissioni di CO2 che attraverso il Mare del Nord.

The discussion is even more supported since the construction of the second Suez Canal, through which the freight trafficking to Europe could recede growing impulses. The shortest route to Mitteleuropa is across Trieste.

La discussione riceve ulteriore alimento dalla costruzione del secondo Canale di Suez, attraverso il quale il traffico delle merci verso l’Europa potrebbe ottenere impulsi di crescita. La rotta più breve verso la Mitteleuropa passa per Trieste.

Tibor Pasztory

2 thoughts on “The Börsen-Kurier of Vienna about Free Territory and Free Port of Trieste – Il Börsen-Kurier di Vienna su Territorio Libero e porto franco di Trieste